Explore

#WEAREINPUGLIA

La città bianca di Ostuni, nel cuore della Puglia, terra di borghi meravigliosi, mare cristallino ed ulivi secolari

LOCATION

Ostuni si può considerare la porta di ingresso della Valle d’Itria: nota anche come “Valle dei Trulli”, si estende tra i comuni di Locorotondo, Martina Franca e Cisternino, con porzioni che ricadono anche nei comuni di Alberobello, Ostuni, Fasano e Ceglie Messapica.

La Valle d’Itria è una delle zone d’Italia a maggior frequentazione turistica. Le bellezze naturali, architettoniche e paesaggistiche di questa porzione della Murgia dei Trulli ne fanno una delle mete principali del turismo internazionale. Tutto questo giustifica l’alta presenza di strutture ricettive e gastronomiche, nonché di numerosi eventi durante l’anno.

Le nostre case e ville si trovano in posizione strategica nel territorio di Ostuni:

  • Chianca Bianca e Chianca Antica si trovano nel centro storico della città Bianca
  • Casetta Mare si trova al porto di Villanova di Ostuni, letteralmente a 10 metri dal mare
  • Lammia Nova si trova sulla sp17 tra Ostuni e Cisternino, nel cuore della Valle d’Itria

COSA VEDERE

Le maggiori attrattive turistiche sono:

  • Ostuni, unica nel suo genere, soprannominata la Città Bianca per le mura e le case imbiancate a calce: un panorama mozzafiato che si staglia nel cielo su un verde mare di ulivi secolari. Il centro storico, come del resto tutti i centri storici della valle d’Itria, è caratterizzato da vicoli e stradine ingarbugliate e pavimentate con le tipiche chianche, dalle bianche case e dai caratteristici balconi fioriti, dalle chiese e dai monumenti di varie epoche. Se le strade strette, gli archi di pietra e le scalinate del centro storico sono avvolte da un antico fascino, i numerosi piccoli negozi e locali ne animano la vita notturna.
  • Martina Franca in cui gli elementi tipici dei centri storici della valle d’Itria, si mischiano al Barocco creando un contesto elegante e artistico con grandi capolavori d’arte come la Basilica di San Martino e la relativa collegiata, i porticati e gli archi finemente lavorati. Il piccolo centro storico di Cisternino invece, presenta un aspetto più semplice e rustico ed è inserito tra i 100 borghi più belli d’Italia. Il centro storico di Locorotondo, è caratterizzato, invece, dalle caratteristiche case con il tetto a spiovente coperto con le chiancarelle , più diffuse in questo comune rispetto a quelli limitrofi e il “lungomare” ovvero la passeggiata panoramica che si affaccia sulla suggestiva valle.
  • I grandi agglomerati di trulli, tipica costruzione conica in pietra a secco tradizionale della Puglia centro-meridionale. I trulli venivano generalmente edificati come ricoveri temporanei nelle campagne o abitazioni permanenti per gli agricoltori. Si trovano in tutta la Valle d’Itria ma certamente da visitare è Alberobello e il suo rione Monti dove se ne concentrano più di mille.
  • Sulla costa adriatica centrale, a sud di Bari, sorgono alcune storiche località assolutamente da visitare in Puglia: prima di tutto Polignano a Mare, un borgo, da sempre considerato tra i più belli in Italia, si caratterizza anch’esso per il colore bianco delle sue abitazioni, costruite sulle ripide scogliere che si stagliano sul mare. Situata pochi chilometri più a sud, si trova Monopoli, città dal centro storico di grandissimo valore artistico, composto da strettissimi vicoli e piazze, che ospita un elevato numero di chiese. Ma ciò che più colpisce è la sua straordinaria vista dal porto cittadino, con le antiche mura medievali che proteggono questo piccolo gioiello pugliese. Infine, a pochi chilometri da Monopoli troverete le strepitose Grotte di Castellana, autentica meraviglia naturale.
  • Le Masserie, antiche case coloniche tipiche nel Sud Italia. Molte masserie furono abbandonate nel tardo XIX secolo, ma grazie a dei progetti di restauro, molte di loro sono state recuperate e trasformate in splendidi hotel.
  • Enogastronomia tipica di questa zona. Cibi tipici di tutta la zona sono i taralli, le friselle, le olive, la focaccia, le pettole e i panzerotti. Famose e pregiate sono le carni della valle d’Itria tra cui spiccano gli Gnummarieddi (detti anche marretti o turcinieddi), il Capocollo e le bombette di carne.
  • Aree naturali protette e boschive: le riserve naturali di Torre Guaceto e del Parco delle Dune Costiere, la grotta dei Millenari, il Parco di Santa Maria d’Agnano con la grotta della sepoltura, dove è stato ritrovato lo scheletro, risalente a circa 28.000 anni fa, di una ventenne gravida, rinvenuto con la mano destra appoggiata sul ventre, quasi a protezione del feto. Il reperto è conservato presso il Museo delle Civiltà Preclassiche della Murgia Meridionale.
  • Le Spiagge di Ostuni: lungo i diciassette chilometri di costa del territorio di Ostuni, in un meraviglioso gioco di colori, si snodano lunghe spiagge con dune coperte da macchia mediterranea e un alternarsi di calette sabbiose e costa rocciosa. Il litorale di Ostuni oggi rappresenta una delle località di maggiore attrazione turistica balneare della puglia, con ben cinque spiagge Bandiera Blu per la qualità delle acque e dei servizi (Creta Rossa, Lido Fontanelle, Pilone Viar Beach Club, Rosamarina e Lido Morelli):
    • Pilone e Lido Morelli: un tratto di costa sabbiosa con alte dune coperte da ginepri secolari, dominata dalla torre di avvistamento aragonese di San Leonardo del XVI secolo. Per il suo elevato valore ambientale dovuto alla presenza di habitat considerati dall’UE di importanza comunitaria, attualmente è divenuta riserva naturale regionale.
    • Monticelli: sulle alte dune che danno il nome alla località, è possibile trovare un’atmosfera tranquilla e familiare. Nell’area sono state ritrovate testimonianze di un villaggio dell’età del bronzo.
    • Porto di Villanova: lì dove sorgeva l’antica Petrolla, poi ribattezzata Villanova, è presente un porticciolo, approdo per le barche dei pescatori e natanti da diporto; suggestiva è la torre-castello del XVI secolo che domina il porto.
    • Camerini e Creta Rossa: il cui nome deriva dal particolare colore della sabbia. Qui ci sono diverse insenature rocciose, che si alternano ad ampie distese sabbiose lambite dalle acque cristalline del mare Adriatico. Questo è il luogo ideale per chi cerca un po’ di tranquillità.
    • Costa Merlata: così chiamata per la linea di costa estremamente frastagliata, con il mare che si insinua tra gli anfratti di una costa rocciosa formando singolari ed intime calette sabbiose.
    • Torre Pozzelle: una costa d’incomparabile bellezza per la sua natura selvaggia e incontaminata, un succedersi di insenature protette da alti scogli, dove gli ormai rari ginepri secolari lambiscono il mare; così chiamata per la presenza di una torre di avvistamento risalente al XVI secolo.

Fonti: Wikipedia, Sito istituzionale del Comune di Ostuni, Siviaggia.it

DISTANZE DALLE PRINCIPALI LOCALITA' TURISTICHE

La città di Ostuni si trova in una posizione centrale all’interno della regione Puglia, pertanto sarà comodo e facile visitarne i principali luoghi di interesse e turistici.

ITINERARI

Gli itinerari hanno tutti durata di un giorno, sono descritti in maniera sintetica ed ottimizzati in base alla distanza tra i luoghi da visitare.

  • Ostuni: perdersi tra le vie del Centro Storico è un’esperienza indimenticabile ed è la maniera migliore per visitare la Città Bianca; vale anche la pena fare giro lungo la cinta muraria per ammirarne il candore da un lato e dall’altro, perdersi con lo sguardo tra il verde della piana degli ulivi e l’azzurro del mare. Consigliamo infine una passeggiata dall’obelisco di Sant’Oronzo lungo Corso Vittorio Emanuele per arrivare sino al belvedere da cui godere di un panorama mozzafiato. Inoltre, se è sabato, vale la pena fare un giro al mercato settimanale dove trovare cibo e prodotti locali, scarpe, vestiti ed artigianato.
  • Tour della Valle d’Itria: si parte da Ostuni per Martina Franca, sulla SP 14 ci vuole circa mezz’ora; la strada è piena di curve ma è circondata da un paesaggio meraviglioso fatto di ulivi e trulli. Dopo aver visitato in un paio d’ore Martina Franca si parte per Locorotondo, sulla SS 172, ci vogliono circa 10 minuti e la strada è dritta: a Locorotondo è consigliato trascorrere più tempo perdendosi tra i vicoli e lungo le mura e sostare per il pranzo tra i numerosi ristoranti del borgo. Da Locorotondo quindi si prosegue sempre lungo la SS 172 per Alberobello in circa 10 minuti: la visita alla città dei trulli dura circa un paio d’ore sufficienti per fare un giro nel rione Monti, il rione monumentale dove si concentrano più di mille trulli. Infine da Alberobello, passando nuovamente da Locorotondo, si prosegue per Cisternino dove si arriva in circa 15 minuti: vale la pena visitare questo borgo ed ammirare il tramonto sulla Valle d’Itria da una delle terrazze lungo le mura della città e la sera cenare tra i vicoli presso uno dei numerosi fornelli di carne arrosto, tipici di questa zona. Infine ritorno ad Ostuni sulla SP 17 in circa 20 minuti.
  • Martina Franca e Grottaglie: se il tour della valle d’Itria risulta troppo faticoso, si possono comunque visitare i tre paesi di Locorotondo, Alberobello e Cisternino e riservare Martina Franca ad un altro giorno insieme alla visita di Grottaglie e del rione delle ceramiche artistiche e dei suoi numerosi laboratori di giovani ed innovativi artisti nonchè di classici artigiani tipici pugliesi. Martina Franca dista da Grottaglie circa 25 Km da percorrere in mezz’ora sulle SP 66 e SP 72.
  • Monopoli e Polignano a Mare: i due paesi si possono benissimo visitare in una sola giornata riservando la visita di Monopoli alla mattina con pausa pranzo presso uno dei numerosi ristoranti e trattorie dei vicoli del centro storico. Monopoli dista circa 40 Km ma è comodo ed agevole arrivarci percorrendo la SS 379; proseguendo verso Bari sempre sulla SS 379, si raggiunge in circa 10 minuti Polignano a Mare, il cui centro storico si trova su una scogliera a picco sul mare: la città è molto romantica per cui vale la pena cenare presso uno dei ristoranti con vista sul mare o su Lama Monachile. Volendo dividere l’itinerario in due giorni, si può integrare la visita di Monopoli con la sosta presso una delle spiagge del Capitolo, che si trovano lungo la SS 379 o data la vicinanza con la visita alle Grotte di Castellana, autentico spettacolo della natura: in questo caso occorre visitarle al mattino per poi proseguire verso Monopoli. Molto vicino risulta anche lo ZOO Safari, il secondo parco faunistico più grande d’Europa e l’annesso grande parco divertimenti. Invece la visita di Polignano a Mare si può integrare sempre con la sosta presso una delle numerose spiagge del comprensorio oppure con la visita del villaggio di San Vito con la omonima abbazia, leggermente più a nord di Polignano a Mare.
  • Bari, Lecce, Matera: la visita di queste città si può effettuare ognuna in una giornata diversa perché Bari dista circa 80 Km, Lecce dista 75 Km e Matera 100 Km e vale la pena visitarle tutte.
  • Altre località rinomate sono Trani, Barletta, Molfetta, Giovinazzo, Castel del Monte, Gallipoli, Otranto, Nardò, il Gargano con Vieste, Peschici, Mattinata e Monte Sant’Angelo, Gravina in Puglia, Altamura ma sconsigliamo di visitare questi luoghi perché relativamente lontani da Ostuni: la vacanza a questo punto non sarebbe più rilassante. Sarebbe più opportuno invece prenotare la prossima vacanza in vicinanza di uno di questi luoghi e visitarne il comprensorio: tant’è vero che molti parlano di Puglie al plurale, per via dei molteplici paesaggi, insieme ad architettura, usi, costumi e dialetti, che cambiano radicalmente nel giro di pochi kilometri.
The perfect night (summer)

Work in progress

The perfect night (winter)

Work in progress

Ostuni by Bus

Work in progress